url parlanti cosa sono e a cosa servono

Url parlanti: cosa sono e a cosa servono?

Scopri il potere nascosto degli URL parlanti e come possono trasformare il tuo sito web! Da semplici indirizzi a potenti strumenti SEO, gli URL SEO-friendly non sono solo facili da ricordare, ma spalancano le porte a una migliore indicizzazione e visibilità online. Esplora come rendere i tuoi link più intuitivi, migliorare l'esperienza utente e scalare le vette dei motori di ricerca con strategie semplici ma efficaci.

In un mondo digitale sempre più complesso, in cui ogni dettaglio può fare la differenza tra l’essere trovati o rimanere invisibili sul web, c’è un elemento spesso sottovalutato ma decisamente cruciale: gli URL parlanti. Immagina di dover scegliere tra un indirizzo web criptico, pieno di numeri e caratteri incomprensibili, e uno che, a prima vista, ti dice esattamente cosa aspettarti dalla pagina che stai per visitare. Quale sceglieresti? La risposta sembra ovvia, eppure la potenza degli URL va oltre la semplice preferenza.

Gli URL parlanti non sono solo indirizzi web più facili da ricordare o da digitare; sono una componente essenziale della una strategia di ottimizzazione per i motori di ricerca che ogni consulente SEO deve utilizzare. Definiamoli come indirizzi web che utilizzano parole chiave rilevanti e comprensibili sia dagli utenti che dai motori di ricerca, anziché stringhe di caratteri casuali. Questi URL non solo migliorano l’esperienza dell’utente ma giocano un ruolo fondamentale nel posizionamento di una pagina web nei risultati di ricerca. La loro leggibilità e pertinenza rispetto al contenuto della pagina facilitano l’indicizzazione da parte di Google, portando il sito web ad un miglior ranking.

La varietà degli URL parlanti è vasta, spaziando da quelli che semplicemente incorporano il titolo di un articolo o il nome di un prodotto, a strutture più complesse che riflettono l’architettura dell’informazione di un sito. Possono essere personalizzati per riflettere percorsi web specifici, gerarchie di URL, o anche per includere parole chiave strategiche che aumentano la “reperibilità” di una pagina web. Questa flessibilità li rende adatti a svariate applicazioni, dalla creazione di permalink semplici e facilmente comprensibili, all’ottimizzazione delle pagine web per specifici termini di ricerca.

In breve, gli URL parlanti sono un ponte tra il contenuto che crei e gli utenti che vuoi raggiungere, oltre che un segnale chiaro inviato ai motori di ricerca sul valore e la rilevanza della tua pagina. Nelle prossime righe, esploreremo come sfruttarli per ottimizzare la tua presenza online e rendere i tuoi contenuti non solo più accessibili, ma anche più efficaci nel raggiungere e coinvolgere il tuo pubblico. Ti invito a continuare la lettura per scoprire come trasformare un semplice URL in un potente alleato della tua strategia digitale.

Cos’è l’Url di un sito?

L’URL di un sito, acronimo di Uniform Resource Locator, funge da indirizzo digitale unico per ogni risorsa presente su Internet. È la sequenza di caratteri che inserisci nella barra degli indirizzi del tuo browser per accedere a specifiche pagine web, immagini, video o altri tipi di contenuti online. Ogni URL è unico e conduce a un preciso punto nel vasto spazio del web, garantendo che gli utenti e i motori di ricerca possano trovare e cliccare per accedere esattamente a ciò che stanno cercando.

Per comprendere meglio, consideriamo un esempio pratico:

https://www.esempio.com/prodotti/penna-blu/.

In questa URL troviamo diversi componenti chiave:

  • https://: indica il protocollo utilizzato per accedere alla risorsa, in questo caso, il protocollo sicuro HTTP (Hypertext Transfer Protocol Secure).
  • www.esempio.com: è il dominio, che identifica in modo univoco il sito web all’interno di Internet.
  • /prodotti/penna-blu/: rappresenta il percorso specifico all’interno del sito che conduce alla pagina dedicata alla penna blu, un esempio di URL parlante che descrive chiaramente il contenuto della pagina a cui si riferisce.

Questo URL non solo fornisce una guida chiara per gli utenti su cosa aspettarsi cliccandolo ma è anche ottimizzato per i motori di ricerca. La presenza di parole chiave rilevanti come “prodotti” e “penna-blu” nel percorso aiuta a migliorare il posizionamento nelle SERP (Search Engine Results Page) del sito per ricerche specifiche relative a penne blu.

Gli URL di un sito possono variare notevolmente in complessità, da semplici indirizzi di pagine statiche a URL dinamici generati da sistemi di gestione dei contenuti che possono includere parametri di query e filtri. Per esempio, un URL dinamico potrebbe apparire come “https://www.esempio.com/prodotti?categoria=penne&colore=blu”, dove i parametri dopo il “?” indicano specifici criteri di ricerca all’interno del sito. Tuttavia, pur essendo funzionali, questi URL non sono considerati come parlanti perché meno leggibili e memorizzabili rispetto alla versione semplificata.

In termini di ottimizzazione SEO On-Page, è preferibile utilizzare Url che siano non solo seo-friendly ma anche leggibili dall’utente. Questi dovrebbero idealmente essere brevi, diretti e contenere keywords pertinenti che non solo descrivano il contenuto della pagina ma migliorino anche il ranking del sito sui motori di ricerca. La struttura gerarchica degli URL, come nel nostro esempio, aiuta a organizzare il contenuto del sito in modo logico, migliorando sia l’architettura dell’informazione che l’esperienza dell’utente, rendendo il sito più facilmente comprensibile e navigabile.


LEGGI ANCHE: Scopri come un esperto SEO per professionisti può migliorare la tua attività online


Caratteristiche di un buon Url parlante

Le caratteristiche di un buon URL parlante possono fare la differenza nella chiarezza, usabilità e efficacia SEO di un sito web. Quando ben strutturati, non solo aiutano gli utenti a comprendere meglio ciò che troveranno cliccando su di essi ma anche migliorano il posizionamento del sito nei motori di ricerca. Ecco le caratteristiche fondamentali:

Inclusione di parole chiave rilevanti nelle Url parlanti

Un Url parlante dovrebbe includere keywords che siano direttamente rilevanti per il contenuto della pagina a cui fa riferimento. Questo migliora la comprensibilità per l’utente e aumenta la rilevanza del sito per specifiche ricerche, contribuendo a un miglior ranking sui motori di ricerca. Ad esempio, un Url come “https://www.negoziodigiardinaggio.com/piante/grasse” indica chiaramente che la pagina contiene informazioni o prodotti relativi a piante grasse.

Struttura semplice e descrittiva

La semplicità è fondamentale per gli Url parlanti. Una struttura chiara e logica non solo facilita la comprensione da parte dei lettori ma anche l’indicizzazione da parte di Google. Gli URL dovrebbero idealmente riflettere la struttura e la gerarchia del sito, guidando l’utente attraverso il percorso web in modo intuitivo. Per esempio, “https://www.libreriaonline.com/libri/gialli” suggerisce una gerarchia in cui “libri” è una categoria che include sottocategorie come “gialli”.

Uso di trattini per separare le parole

I trattini (-) sono il metodo preferito per separare le parole in un Url, in quanto sono facilmente riconosciuti dai motori di ricerca come separatori. Questo aumenta la leggibilità sia per gli utenti che per Google. Ad esempio, “https://www.sitoalimentare.com/ricette-cucina/vegana” è più accessibile e comprensibile rispetto a una versione che utilizzi underscore (_) o nessun separatore.

Evitare caratteri speciali, numeri di articolo, ecc.

Per mantenere gli Url puliti e facilmente comprensibili, è consigliabile evitare l’uso di caratteri speciali, codici di articolo, parametri di sessione, ecc. Questi elementi possono rendere l’URL confuso e meno memorizzabile per l’utente, oltre a complicare l’indicizzazione da parte dei motori di ricerca. Un Url come “https://www.elettronica.com/prodotti/smartphone/samsung-galaxy-s10” è preferibile rispetto a uno che includa ID prodotto o parametri, come “https://www.elettronica.com/prodotti?item=12345”.

Benefici degli Url SEO-friendly

Gli URL SEO-friendly non sono solo un elemento estetico di un sito web; rappresentano una componente fondamentale della SEO e dell’usabilità. Ecco i benefici chiave che derivano dalla loro implementazione corretta:

Migliore indicizzazione da parte di Google

Gli Url parlanti, contenendo parole chiave rilevanti e strutturate logicamente, facilitano l’indicizzazione da parte dei motori di ricerca. Questo perché forniscono a Google indicazioni chiare sul contenuto della pagina, migliorando la capacità di associazione dell’Url a specifiche query di ricerca. Ad esempio, un Url come “https://www.blogviaggi.com/destinazioni/europa/francia” permette ai motori di ricerca di identificare facilmente il tema della pagina.

Maggiore rilevanza percepita per le query di ricerca

Quando un utente effettua una ricerca e vede un Url parlante nei risultati che corrisponde strettamente alla sua query, la percezione è quella di una maggiore rilevanza del contenuto. Questo incrementa la probabilità che un lettore clicchi sul link, migliorando il CTR (Click-Through Rate) del sito.

Più facili da ricordare e da digitare per gli utenti

Gli URL che utilizzano parole comuni e logiche sono molto più facili da ricordare rispetto a quelli composti da numeri e caratteri speciali. Questo aspetto è particolarmente utile quando gli utenti vogliono digitare direttamente l’URL o quando lo condividono verbalmente.

Possibilità di incorporare parole chiave nelle SERP

Avere parole chiave nell’Url che appaiono direttamente nelle SERP (Search Engine Results Pages) può migliorare la visibilità e l’attrattività del link. Le parole chiave negli Url spesso vengono evidenziate in grassetto nelle SERP, rendendo il link ancora più rilevante agli occhi degli utenti che effettuano la ricerca.

Migliore comprensione da parte degli utenti

Gli Url parlanti forniscono ai lettori un’idea immediata del contenuto a cui stanno per accedere prima ancora di cliccare sul link. Questo livello di trasparenza e chiarezza migliora l’esperienza utente e costruisce fiducia nel sito.

Best practice per gli URL parlanti

Per sfruttare al meglio le potenzialità degli Url parlanti e assicurarsi che contribuiscano efficacemente alla SEO e all’usabilità del tuo sito, è importante seguire alcune best practice. Ecco le più rilevanti:

Pianificazione anticipata della struttura degli Url

Una pianificazione accurata della struttura degli Url del tuo sito è cruciale prima di pubblicare qualsiasi contenuto. Questo passaggio iniziale aiuta a garantire che l’architettura del sito sia logica, intuitiva e scalabile. Determina una struttura gerarchica che rifletta la categorizzazione del tuo contenuto, facilitando agli utenti la navigazione e ai motori di ricerca l’indicizzazione. Ad esempio, se gestisci un e-commerce di abbigliamento, potresti organizzare gli URL seguendo un modello come: “https://www.tuositoweb.com/categoria/sottocategoria/prodotto”.

Coerenza in tutta la struttura del sito

Mantieni una coerenza nell’uso delle parole chiave, nella lunghezza degli URL, nell’uso dei trattini per separare le parole, e nell’adozione di uno schema nominale comprensibile in tutta la struttura del sito. Questo non solo migliora l’esperienza utente ma anche la capacità dei motori di ricerca di comprendere e indicizzare le pagine del tuo sito. La coerenza aiuta anche nella memorizzazione degli Url da parte dei lettori, rendendo più semplice per loro il ritorno sul tuo sito.

Aggiornamento degli Url SEO Friendly in caso di reindirizzamenti

Quando una pagina viene spostata o il suo contenuto viene aggiornato al punto da richiedere un cambio di Url, è importante aggiornare tutti i link interni che portano a quella pagina. Un mancato aggiornamento può portare a link rotti o a reindirizzamenti inutili, compromettendo l’esperienza utente e l’efficacia della SEO.

Uso di reindirizzamenti 301 per Url

Se devi cambiare la struttura degli Url di un sito esistente o trasferire contenuti, utilizza reindirizzamenti 301 per guidare sia i lettori che i motori di ricerca verso i nuovi indirizzi. I reindirizzamenti 301 sono interpretati come trasferimenti permanenti, trasferendo la maggior parte del valore SEO dagli Url vecchi a quelli nuovi e minimizzando l’impatto negativo sui tuoi ranking su Google. Assicurati di monitorare la tua strategia di reindirizzamento per evitare catene di reindirizzamento lunghe o complesse, che possono rallentare il caricamento della pagina e confondere i motori di ricerca.

Alcuni casi d’uso degli Url SEO-Friendly

Gli Url parlanti rappresentano una pratica SEO di fondamentale importanza in vari settori e per diversi tipi di siti web. Non solo migliorano il ranking nei motori di ricerca, ma elevano anche l’esperienza dell’utente rendendo immediatamente chiaro il contenuto delle pagine. Ecco alcuni casi d’uso concreti che illustrano come possono essere implementati efficacemente:

Struttura Url per siti e-commerce

In un sito di e-commerce, gli URL parlanti possono essere utilizzati per descrivere categorie, sottocategorie e prodotti, rendendo la navigazione intuitiva e migliorando la visibilità nei motori di ricerca. Ad esempio:

  • URL generico: https://www.sitoecommerce.com/prodotto/12345
  • URL ottimizzato: https://www.sitoecommerce.com/elettronica/smartphone/samsung-galaxy-s21

Questo approccio non solo aiuta i lettori a capire immediatamente cosa aspettarsi dalla pagina, ma consente anche ai motori di ricerca di indicizzare più efficacemente la pagina per ricerche relative a “Samsung Galaxy S21”.

Struttura Url per blog e siti di notizie

Per un blog o un sito di notizie, gli URL parlanti possono migliorare significativamente la SEO e l’engagement dell’utente organizzando il contenuto per argomento o data in modo chiaro. Ad esempio:

  • URL generico: https://www.sitodinotizie.com/articolo/20210305
  • URL ottimizzato: https://www.sitodinotizie.com/2021/03/05/come-viaggiare-sostenibile

L’URL parlante non solo fornisce una data chiara ma include anche parole chiave rilevanti per il contenuto dell’articolo, migliorando sia la ricerca organica che l’esperienza utente.

Struttura Url per siti istituzionali e portali educativi

Per siti istituzionali o educativi, gli Url parlanti possono essere utilizzati per organizzare le informazioni in modo che siano facilmente accessibili e comprensibili. Ad esempio:

  • URL generico: https://www.universita.com/sezioni/abc123/
  • URL ottimizzato: https://www.universita.com/dipartimenti/scienze-politiche/corsi-di-laurea/

Questo formato aiuta gli studenti e i visitatori a navigare facilmente nel sito, migliorando l’usabilità e facilitando la ricerca di informazioni specifiche.

Struttura Url per piattaforme di prenotazione

Le piattaforme di prenotazione possono utilizzare URL parlanti per dettagliare servizi, destinazioni e offerte speciali, migliorando la SEO per ricerche geolocalizzate o servizi specifici. Ad esempio:

  • URL generico: https://www.sitodiprenotazioni.com/offer/9876
  • URL ottimizzato: https://www.sitodiprenotazioni.com/hotel-roma/centro-storico/offerta-speciale

Questi casi d’uso dimostrano l’efficacia degli URL parlanti nel migliorare sia l’esperienza utente sia il posizionamento SEO, indipendentemente dal settore o dal tipo di sito web. Implementarli è una strategia vincente per rendere i contenuti più accessibili, migliorare la navigazione del sito e ottimizzare la presenza online.

Dove si trova l’Url di un sito?

L’Url (Uniform Resource Locator) di un sito si trova nella barra degli indirizzi del tuo browser internet. Questa barra si trova nella parte superiore della finestra del browser, sia che tu stia utilizzando Google Chrome, Mozilla Firefox, Safari, Microsoft Edge, o qualsiasi altro browser. Quando visiti un sito web, l’Url completo del sito o della pagina specifica che stai visualizzando apparirà in questa barra.

Per esempio, se visiti la homepage di un sito web di notizie, l’Url potrebbe apparire come “https://www.sitonotizie.com”. Se poi clicchi su un articolo specifico, l’Url nella barra degli indirizzi cambierà per riflettere il percorso diretto a quell’articolo.

Come si inserisce l’Url?

Per inserire l’Url di un sito web, segui questi passaggi semplici e diretti:

  1. Apri il Browser: avvia il browser web che preferisci utilizzare per navigare in internet (come Google Chrome, Mozilla Firefox, Safari, Microsoft Edge, ecc.).
  2. Seleziona la Barra degli Indirizzi: clicca sulla barra degli indirizzi nella parte superiore della finestra del browser. Questa barra può contenere già un altro URL o potrebbe dire “Cerca su Google o digita un URL”.
  3. Digita l’URL: digita l’Url completo del sito web che desideri visitare. Assicurati di includere il prefisso “https://” all’inizio.
  4. Premi Invio: dopo aver digitato l’Url completo, premi il tasto “Invio” sulla tastiera per indirizzare il browser a quella pagina web.
  5. Navigazione: Il browser ti porterà alla pagina web indicata dall’URL che hai inserito. Se l’URL è corretto, visualizzerai il sito desiderato. In caso contrario, potresti ricevere un messaggio di errore che indica che l’URL non è valido o che la pagina non può essere trovata.

Il termine Url (Uniform Resource Locator) e link sono spesso usati in modo intercambiabile nel linguaggio comune, ma esiste una distinzione tecnica tra i due concetti:

URL

Un URL è una stringa di testo che fornisce l’indirizzo esatto dove si trova una risorsa specifica su Internet. Funziona come un indirizzo postale digitale, guidando il tuo browser direttamente alla pagina web, all’immagine, al video, o ad altro contenuto online che desideri visitare. L’URL include il protocollo da usare (come https), il nome del dominio del sito web, e può anche includere un percorso specifico verso una pagina o una risorsa all’interno del sito. Esempio: “https://www.esempio.com/pagina”.

Link

Un link (o collegamento ipertestuale) si riferisce a un elemento interattivo su una pagina web che, quando cliccato, ti indirizza a un altro URL. Può essere un testo evidenziato (spesso sottolineato e di colore diverso), un’immagine o un bottone. I link sono utilizzati per navigare tra pagine sullo stesso sito web o per portare a risorse su siti esterni. Sostanzialmente, un link è un meccanismo di navigazione che utilizza un Url per reindirizzare l’utente da una parte all’altra di Internet.

Differenze Chiave

L’URL è l’indirizzo esatto di una risorsa su Internet, mentre un link è un elemento cliccabile che usa un URL per reindirizzare l’utente verso quella risorsa. Gli URL sono presentati come testo puro, mentre i link possono essere integrati in testo, immagini o altri elementi e sono progettati per essere interattivi. L’URL è ciò che digiti nella barra degli indirizzi del browser o vedi nei tuoi segnalibri; un link è ciò che clicchi su una pagina web per accedere a un URL.

In breve, ogni link conduce a un URL, ma non tutti gli URL sono presentati come link. Gli URL forniscono l’ubicazione esatta delle risorse online, mentre i link sono gli strumenti che facilitano la navigazione e l’accesso a queste risorse.

Considerazioni finali sulle Url parlanti

Gli URL parlanti offrono numerosi vantaggi significativi sia per i lettori che per i motori di ricerca. Oltre a migliorare l’esperienza dell’utente rendendoli più facili da leggere, ricordare e condividere, gli URL ottimizzati contribuiscono a un migliore posizionamento nei risultati di ricerca grazie alla loro struttura logica e all’inclusione di parole chiave rilevanti. Adottare una strategia ben pianificata per gli URL parlanti è un passo fondamentale per creare un sito web di successo, accessibile e facilmente reperibile online.

Pietro Rogondino
Pietro Rogondino

Ciao a tutti! Mi chiamo Pietro Rogondino e sono un consulente SEO di base a Bari. Ho iniziato a occuparmi di ottimizzazione per i motori di ricerca più di 17 anni fa e da allora ho acquisito una profonda esperienza in questo campo.
Oggi sono specializzato nell'analisi approfondita di ogni tipo di sito web per studiarne punti di forza e debolezze in ottica SEO. Grazie alla mia pluriennale esperienza, sono in grado di creare efficaci strategie su misura per aiutare i siti a performare al meglio sui motori di ricerca come Google.
Ciò che mi appassiona di più è trovare soluzioni creative e originali per risolvere ogni criticità legata al posizionamento. Lavoro a stretto contatto con i miei clienti per capirne le esigenze e garantire risultati concreti e duraturi nel tempo. Sono sempre entusiasta di confrontarmi con nuove sfide SEO! Se avete un progetto digitale a Bari e dintorni, contattatemi per una consulenza.

Articoli: 37